testata


Oltre 50 mila euro dalla tassa di soggiorno Saranno reinvestiti nel settore turistico

Cherasco ha confermato anche per il 2016 la sua vocazione turistica con gli oltre 23 mila turismo cherascoarrivi, che fanno registrare un deciso aumento rispetto all'anno precedente.

Il settore turistico è uno dei più importanti per l'economia del territorio. Introdotta nel territorio dell'Atl Alba Bra Langhe Roero nel 2012, l'imposta di soggiorno, che viene pagata dai turisti che pernottano nelle strutture ricettive, nel 2016, per la Città delle Paci ha fatto registrare un introito di 50.389 euro.
«Questo importo – spiega l'assessore al Turismo e Bilancio Elisa Bottero, – come da accordi con l'Atl, convidisi anni fa dai Comuni, è da suddividere: una parte resta nel nostro bilancio, l'altra destinata all'Atl che ha l'obbligo di reinvestirla sul territorio. Anche per quanto riguarda la quota restante nel nostro bilancio sarà comunque reinvestita sul settore turistico».

 

Mentre si registra il segno positivo, si guarda anche al futuro. La previsione per gli introiti 2017 vanno da 50 a 55 mila euro. Conclude Bottero: «Cherasco si conferma uno dei Comuni che fa registrare un buon andamento nel settore turistico, grazie alle tante manifestazioni di qualità, ma anche a strutture ricettive che sanno accogliere, ad investimenti che il Comune ogni anno mette in campo, ad un settore enogastronomico di alta qualità. Sono tutti elementi che concorrono a richiamare turisti nella nostra città, confermando quindi il settore turistico come una delle voci più importanti nella nostra economia».

 

 

Cherasco, 5 maggio 2017