Manifestazioni

La mostra di fine anno a Palazzo Salmatoris quest'anno è dedicata a Romano Reviglio, pittore cheraschese scomparso nel 2008.

“Romano Reviglio: architetture, tratti graffianti e segni scultorei”, curata da Cinzia Tesio, aprirà i battenti sabato 20 ottobre 2018 alle 17,30.

Nel decennale della sua morte, la città vuole ricordare lo straordinario artista che non solo ha lasciato un significativo patrimonio di opere, ma anche un ricordo della persona, del cittadino attento alla sua Cherasco, allo sviluppo della ROMANO REVIGLIO mostra 2018cultura, alla preservazione della sua storia.

Reviglio nasce nella Città delle Paci nel 1928, matura le sue prime esperienze pittoriche nell'ambito delle mostre universitarie torinesi. Nel 1957 vince il Premio dei Critici e quello dei Pittori. Nel 1959 gli viene riconosciuto il premio Gazzetta del Popolo. Sarà quindi un susseguirsi di rassegne personali e collettive, premi, riconoscimenti. Il suo percorso artistico inizia con una pittura figurativa tradizionale. Successivamente libera la mano e la mente dai condizionamenti di schemi formali precostituiti e crea opere su carta e cartone, disegnate e dipinte con inchiostri e colori, dove fiori e forme arabescate occupano l'intera superficie del quadro. Verso la fine degli anni Cinquanta crea una serie di opere su carta incentrate sul tema delle architetture. Si avvicina poi all'informale, la sua pittura assume spessori di materia e libero movimento; nella fase successiva la struttura compositiva dei lavori si fa più articolata, fino ad arrivare, nelle ultime produzioni ad una libertà e sensibilità sempre maggiori utilizzando un particolare cromatismo. Persona schiva, solitaria, fortemente legata alla sua terra d'origine che mette tante volte sulla tela, l'opera di Reviglio tuttavia non può essere considerata una pittura provinciale. La sua grande cultura lo porta a guardare oltre, al mondo artistico internazionale.

«Abbiamo voluto fortemente questa mostra – commentano l'assessore alle Manifestazioni Marella Fumero e il sindaco Claudio Bogetti – per omaggiare non solo l'artista Reviglio che tanto ha dato al mondo dell'arte, ma anche per ricordare un cheraschese che ha sempre amato tanto la sua città, ne ha colto le tante espressioni mettendole sulla tela, ha avuto particolare cura della cultura, della storia di questo territorio. A lui si deve ad esempio la salvezza di San Giacomo, la bella cappella ai margini dell'abitato cheraschese destinata alcuni decenni fa alla rovina. Oggi grazie al suo intervento e alla successiva donazione al Comune da parte della vedova Mariuccia, San Giacomo è nel patrimonio comunale e sapremo valorizzare questo importante lascito. Reviglio è per i cheraschesi non solo il pittore, l'artista, ma un uomo di grande sensibilità e attenzione verso la sua città».

La mostra sarà visitabile ad ingresso libero fino al 23 dicembre 2018 da mercoledì a venerdì dalle 15 alle 19, sabato, domenica e festivi dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 19.

Info: 0172 427050.  

 

 

 

Cherasco, 10 ottobre 2018

Riapre, dopo i recenti restauri, uno dei gioielli della Città delle Paci: la chiesa di San Gregorio. Dotata di impianto per contrastare l'umidità e rifatti i pavimenti, San Gregorio torna ad essere sede di importanti mostre.


La riapertura sarà domenica 14 ottobre 2018, in occasione del Mercato del libro antico con la mostra mercato "Fiumi di inchiostro" dedicata alle piccole case editrici del territorio.

san gregorio
«È con grande gioia - commenta il consigliere Sergio Barbero, che ha delega alla Cultura - riaprire questo storico edificio dopo alcuni mesi che lo ha visto interessato da lavori di restauro. È un vero gioiello per la nostra città, nel cuore del centro storico e non poteva esserci occasione migliore che il Mercato dedicato ai libri antichi per riaprire. San Gregorio da tanti anni è sede di importanti mostre, luogo di cultura per eccellenza e dare spazio, proprio in questo luogo alle piccole case editrici, ha un significato importante: quello di dare spazio alle eccellenze culturali del territorio, spesso travolte da un mercato ben più grande, ma che offrono spaccati culturali interessanti, mai provinciali, di grande valore».




Cherasco, 12 ottobre 2018

Sabato 6 ottobre 2018, alle ore 18, la sala consigliare di Cherasco ospiterà il convegno "La persecuzione degli ebrei durante la Repubblica Sociale Italiana: 1943.1945".

convegnoAl tavolo dei relatori ci sarà un illustre studioso, H. James Burgwyn, professore emerito di storia e autore di numerose pubblicazioni. Il convegno prenderà spunto proprio dall'ultima opera dello studioso statunitense, "Mussolini e la Repubblica di Salò, 1943-1945: il fallimento di un regime fantoccio". Il volume rappresenta uno studio approfondito della RSI, di ciò che ha significato, del tentativo disperato di Mussolini di far sopravvivere il fascismo e che portò alla sua morte ad opera dei partigiani. La Repubblica Sociale Italiana era un regime organizzato in modo generico, costituito da patrioti dichiarati e da "squadracce" che commisero atrocità contro nemici presunti e reali.
Il professor Burgwyn ripercorre questo triste capitolo della storia con una vivida descrizione di figure chiave ed una profonda analisi di come fascisti radicali riuscirono a portare il regime di Salò da dittatura in Italia al nazionalismo continentale, strettamente collegato al Terzo Reich.

È un'analisi puntuale, sofferta, anche della vita di Mussolini, un uomo che ingannò gli italiani e causò una guerra che terminò con una disastrosa sconfitta.
Il convegno, organizzato dall’associazione Italia Israele Alba Bra Langhe e Roero, darà utili spunti di riflessione, di dibattito su fatti concreti di un periodo storico tante volte scritto, letto, discusso ma che ancora riserva elementi da studiare, approfondire, così come ha fatto il professor Burgwyn.
L'ingresso è libero.   



Cherasco, 4 ottobre 2018

Domenica 14 ottobre 2018 Cherasco torna nuovamente ai tempi passati. L'appuntamento è con il Mercato del giocattolo antico e del modellismo d'occasione che giunge alla sua edizione numero 24. Saranno parecchi  gli espositori antiq mercatodisseminati nel centro storico che proporranno i balocchi d'antan, dalle bambole di pezza e ceramica ai trenini, trottole, macchinine, collezioni di soldatini e tanto altro per ritornare bambini ma di tanti anni fa. Un mondo affascinante tutto da riscoprire.

Sempre domenica va in scena la 24° edizione del Mercato del libro antico e della carta con espositori che proporranno cartoline, stampe, libri d’altri tempi, edizioni rare di volumi, vecchi manifesti; inoltre ci saranno anche parecchie bancarelle nella mostra-mercato della pittura, della scultura e produzione artistica e artigianale, che esporranno quadri, acquerelli, ceramiche, soprammobili, borse, portachiavi, gioielli e altri manufatti di ingegno creativo.

«Quello di ottobre – spiega l'assessore alle Manifestazioni Marella Fumero – è un appuntamento tra i più affascinanti del calendario dei mercati specializzati. Bancarella dopo bancarella si torna indietro nel tempo, ripercorrendo periodi storici lontani, affascinanti, quando le mode erano diverse da oggi, quando si giocava con balocchi costruiti “in casa” da nonni e genitori, quando le mamme confezionavano vestitini per le bambole. Ma si scoprono anche altri tipi di balocchi, preziosi, come le bambole di ceramica e tutto il mondo del modellismo che ancora oggi appassiona tante persone. Anche il mercato del libro ha un fascino tutto particolare, con le vecchie pagine ingiallite, lette e sfogliate in tempi remoti. La mostra della pittura, scultura e produzione artistica e artigianale mette invece in evidenza le grandi capacità degli artigiani di costruire oggetti straordinari, conoscenze che si tramandano di generazione in generazione e che ancora oggi restano un perno della nostra economia».

Il mercato si svolgerà per tutta la giornata nel centro storico che sarà vietato al traffico. Comodi parcheggi gratuiti si trovano a pochi passi dalle bancarelle ed è a disposizione anche un'ampia area camper attrezzata.  
Info: Cherasco Eventi tel. 0172427050.


Cherasco, 4 ottobre 2018

Sabato 6 ottobre 2018 dalle 9,30 all'auditorium comunale di via San Pietro, a Cherasco, si svolgerà il convegno "Il treno è sviluppo del territorio".
stazione cherasco
Dopo il saluto del sindaco Claudio Bogetti, interverrà Piero Canobbio, professore di storia al liceo classico di Chiavari con la relazione "Valore del trasporto ferroviario in Piemonte e in Italia". Seguirà l'intervento di Gian Carlo Ciberti su "Cherasco, il treno e la sua stazione ferroviaria", mentre Davide Sannazzaro, primo cittadino di Cavallermaggiore, parlerà di "Il treno è una significativa risorsa per una piccola comunità di provincia".
Il vicepresidente della commissione trasporti della Regione Piemonte, Federico Valetti concluderà gli interventi con "La proposta di legge regionale per la conservazione e lo sviluppo del trasporto ferroviario".

A moderare l'incontro sarà il giornalista Beppe Rovera. L'ingresso è libero.


Cherasco, 4 ottobre 2018

Home - Comune di Cherasco - Via Vittorio Emanuele 79, 12062 Cherasco (CN) - PIVA 00478570047

Email URP: urp@comune.cherasco.cn.it - Posta Elettronica Certificata: cherasco@postemailcertificata.it

Email D.O.P.: matteo.odasso@outlook.com - Posta Elettronica Certificata D.P.O.: matteo.odasso@pec.it

Ulteriori Dati D.P.O.: Responsabile della protezione dei dati (D.P.O.) Dott. Matteo Odasso

Privacy Policy